Ancora test truccati su emissioni di CO2 delle auto, il momento dell’elettrico è ora

Dal Dieselgate alla nuova truffa sulle emissioni di CO2 delle automobili, è arrivato il momento della transizione all'auto elettrica
auto elettrica emissioni di CO2

Dopo il dieselgate dobbiamo ancora parlare di truffe da parte delle case automobilistiche per quanto riguarda le emissioni di CO2 dei veicoli prodotti. In questo caso a segnalarlo è la Commissione Europea e reso noto alle cronache dall’associazione Transport&Environment, ma cosa succede questa volta?
Secondo i dati raccolti le case automobilistiche falsificherebbero i test sulle emissioni delle vetture, gonfiandoli. Il motivo è presto spiegato: i tassi di CO2 vengono tenuti più alti per compensare i tagli delle emissioni previsti i target al 2025 potrebbero risultare indeboliti del 57%, quelli al 2030 del 23%. Chiaramente più alto è il dato recente e più alta sarà la quota da rispettare.

Nonostante l’associazione che racchiude le più importanti industri produttrici di automobili neghino su tutta la linea di aver truccato i test, l’Europa sembra avere le sue ottime ragioni per lanciare l’allarme.
Anche perchè la necessità di una drastica riduzione delle emissioni di CO2 è sempre più vitale. Il clima sta cambiando e le emissioni non fanno altro che mettere un macigno sull’acceleratore di questo processo, con effetti devastanti dovuti all’innalzamento delle temperature.

Basti pensare all’aumento del livello di mari  e oceani, oppure a quel caldo fuori dal normale che sta causando scarsità di produzione delle patate in Germania, agli incendi che si moltiplicano, alla perdita di biodiversità, agli eventi climatici straordinari e dalle conseguenze catastrofiche.
Tra le molte problematiche dovute alle emissioni inquinanti c’è anche quello delle polveri sottili che saturano l’aria delle nostre città e causano – in Italia – circa 90.000 morti ogni anno.

L’Europa, con la COP21 di Parigi si è impegnata a ridurre le emissioni, e per questo sta appicando una serie di politiche  – anche se non ancora del tutto sufficienti – per cercare di rispettare questo impegno. Tuttavia ancora una volta il sistema delle industrie dell’automobile tenta di ovviare nelle maniere più subdole il rispetto di questi parametri.

L’unica soluzione è quella di dire definitivamente “addio” al motore a scoppio (qui la proposta dei Verdi), la transizione verso la filiera dell’auto elettrica deve iniziare da subito, anche perchè ormai sembra chiaro che finchè ci sono veicoli a combustibili fossili ci saranno tentativi di mistificazione dei dati sugli inquinanti e sulle emissioni.
Il passaggio all’auto elettrica, opportunamente incentivato a livello governativo, rappresenta quella iniezione di novità sul mercato delle automobili che può far ripartire un sistema che ormai si innova con difficoltà e che vede cicliche crisi, ma soprattutto metterebbe una definitiva parola “fine” su tutte quel sistema omologazioni a standard di emissioni di inquinanti che troppo spesso viene aggirato. Convertire i trasporti all’elettrico vorrebbe dire prendersi responsabilmente cura della salute dei cittadini italiani ed europei e del territorio.

Categorie
AmbientebloggerNEWS

In relazione a:

X