Da Calenda miopia politica sulla questione Gas, l’insicurezza si supera con rinnovabili

L'emergenza Gas dovuta all'incidente che si è verificato nell'impianto austriaco deve far parlare di una strategia energetica 100% rinnovabili
gas austria
“L’emergenza energetica dovuta all’esplosione dell’impianto di Gas in Austria costituisce un drammatico evento che mostra la fragilità dell’approvvigionamento energetico in Italia e quanto sia necessario che il nostro Paese si liberi dall’energie fossili”.
Lo scrive in una nota il coordinatore dell’Esecutivo Nazionale dei Verdi Angelo Bonelli, in risposta alle affermazioni del Ministro Calenda rilasciate in seguito alla notizia di una eventuale crisi di Gas dovuta all’incidente verificatosi a Baumgarten.
Prosegue l’ecologista: “Il Ministro Calenda torna a parlare della TAP come un potenziale mezzo per scongiurare crisi come questa, ma troviamo contraddittoria e miope questa dichiarazione perché questo incidente dimostra la fragilità di un sistema energetico basato sulle fonti fossili: quell’incidente o un conflitto può bloccare in ogni momento le forniture energetiche per il nostro Paese.”
“Ci saremmo aspettati – conclude Bonelli – che Calenda avesse parlato della necessità di costruire per l’Italia l’autonomia energetica attraverso un piano 100% rinnovabili e di promuovere l’efficienza energetica per eliminare gli sprechi di energia. Questi sono punti molto importanti del programma dei Verdi per le prossime elezioni politiche che, ancor più alla luce dei fatti odierni, devono essere considerati come una priorità per il nostro Paese.”
Categorie
EnergiaNEWS

In relazione a:

X