Cordoglio e vicinanza per le vittime del terremoto di Ischia. Ora stop a leggi pro-abusivismo

Di questi danni e queste vittime deve rispondere chi pratica e chi legittima l’abusivismo.
Terremoto Ischia
Esprimiamo il nostro cordoglio per le vittime del terremoto ad Ischia e vicinanza alla comunità ischitana. Ma riteniamo inaccettabile che per una scossa di non elevata intensità le case possano crollare. Come ha sottolineato Egidio Grasso, presidente dell’Ordine dei Geologi della Campania dopo il sisma della scorsa notte che ha colpito Ischia, si tratta di una magnitudo che in condizioni normali non provocherebbe simili danni a persone o cose, ma si possono essere verificati per via di costruzioni abusive e realizzate senza alcuna verifica sismica. Di questi danni e queste vittime deve rispondere chi pratica e chi legittima l’abusivismo.

Prendersi cura del territorio è legato a prendersi cura vita umana

Se non capiamo che il prendersi cura del territorio è strettamente legato al prendersi cura della vita umana purtroppo dopo eventi come questo saremo costretti a contare vittime che, in altre nazioni dove i terremoti sono all’ordine del giorno, con questa magnitudo non ci sarebbero state.
Ricordo a tutti che lo scorso anno uno studio ha inserito Ischia nella top 5 dei luoghi maggiormente afflitto dalla piaga dell’abusivismo edilizio, e la storia dell’isola come baluardo di questa pratica illegale è stata confermata da un convegno che si è tenuto a Lacco Ameno a metà del giugno scorso in cui si sono incontrati politici e cittadini per discutere del DDL Falanga, ebbene proprio il Sindaco del comune ischitano in quel frangente lamentava la mancata applicazione di questo terzo “condono edilizio” nella regione Campania.

Meritorio lavoro di Protezione Civile e Vigili del Fuoco

Ora l’impegno di tutti è cercare di salvare più vite umane possibili per questo è assolutamente meritorio il lavoro che la Protezione Civile e i Vigili del Fuoco stanno svolgendo in questi momenti drammatici, ma poi il governo deve pensare seriamente a un piano di messa in sicurezza antisismica di tutte le abitazioni in zone a rischio ma soprattutto a bloccare il famigerato DDL Falanga, ancora in iter di approvazione al Parlamento.

De Luca ora fermi legge pro-abusivi

Caro De Luca lei che parla di emergenza dovrebbe avere l’onestà intellettuale di ritirare la sua legge che ferma le demolizioni anche nelle aree vincolate, bocciata dal governo grazie ai ricorsi di noi Verdi, che certamente aggiunge emergenza a una altra emergenza e che non reprime l’abusivismo edilizio, anzi l’aiuta. Applicare e praticare la legalità è più importante di ogni altra cosa. Provvedimenti di legge come quello della Campania sono la dimostrazione di come la politica e non la natura sia responsabile di questo tipo di disastri.
Commenti da Facebook
Categorie
AmbienteCampaniaNEWSTerritorio
Nessun commento

Lascia un commento

*

*