Il Dl Genova va ribattezzato “decreto condoni”

Il Dl Genova, afferma Angelo Bonelli dei Verdi, potrebbe essere ribattezzato “decreto condoni” per via del fatto che ne contiene ben 2: quello sui fanghi tossici e quelllo di Ischia
DL Genova condoni Bonelli

“Ne contiene due: uno edilizio su Ischia, l’altro sui fanghi”

“Da questo decreto dovremmo togliere il nome ‘Genova’. La Camera sta infatti per approvare il decreto ‘condoni’: il primo e’ quello edilizio a Ischia, il secondo quello sulle diossine nei fanghi”. Lo afferma il leader dei Verdi Angelo Bonelli, parlando, nel corso di un flash mob in piazza Montecitorio, di alcune norme contenute nel decreto Genova.
“Il condono edilizio su Ischia, firmato Di Maio – osserva Bonelli – e’ peggio di quello pensato da Berlusconi, ed e’ uno schiaffo all’Italia onesta. Inoltre si aggiunge la sanatoria in Centro-Italia. Questa e’ una modalita’ che consente di sdoganare il condono edilizio, e potrebbe essere un cavallo di Troia per aprire una fase che abbiamo sempre cercato di fermare quando c’erano i governi di centrodestra”.
“L’altro condono – continua il leader dei Verdi – e’ quello delle diossine che verranno sparse sui suoli con i fanghi. Da piu’ parti, anche dalla magistratura, viene chiesto di fermarsi.
E’ una sanatoria inaccettabile, con l’alibi di dare risposte a un’emergenza che si e’ creata soprattutto al nord. A Costa dico che un ministro dell’Ambiente non puo’ essere il notaio di decisioni altrui, e non puo’ non opporsi”.
Infine, conclude Bonelli, “dispiace che il M5s con questi due casi (e altri se ne potrebbero aggiungere, come Tap e Ilva), abbia usato l’ambiente per fare campagna elettorale”.

Categorie
NEWSPolitica

In relazione a:

X