La Manovra del M5S che non spezza il cordone con le lobby del petrolio

Manovra - Bonelli (Verdi): agevolati motori fossili: diesel e metano il m5s non pensa alle polveri sottili
auto_diesel_metano mobilità

“E’ scandaloso che nella norma contenuta nella Legge di Bilancio sulla mobilità, si siano inseriti incentivi anche a chi acquista auto a metano, quindi fossili, obsolete e con alte emissioni di CO2. Mentre non ci sia alcun incentivo per l’implementazione delle centraline elettriche di ricarica. Chi comprerà un’auto elettrica, dove la ricaricherà?” Si chiede in una nota il Verde Angelo Bonelli, che prosegue:
“Ancora una volta i Movimento 5 Stelle non ha avuto il coraggio di spezzare il cordone con le lobby del petrolio e del metano. Basare il contributo solamente sulla CO2 e non sulle polveri sottili, sostanze cancerogene che stanno distruggendo le nostre città metropolitane, e’ davvero miope e fa gli interessi di quelle case automobilistiche che non vogliono la conversione ecologica. Diventa poi paradossale che nel bonus malus sul bollo pagheranno meno i motori diesel rispetto a quelli a benzina. Il diesel emette meno CO2 delle benzine, ma rilascia molto più le polveri sottili, realmente cancerogene.”
“Tra l’altro la conversione ecologica non può appesantire le tasche dei più poveri, mentre è giusto che sia finanziata da chi ha più possibilità e, probabilmente, ha inquinato di più negli anni scorsi. Per questo è necessario che chi ha meno reddito abbia un incentivo più alto..” Conclude Bonelli

Categorie
MobilitàNEWSPolitica

In relazione a:

X