Monsanto, ok Barilla che dice no a grano canadese, ora impegno per stop Glifosato

La Barilla ha deciso di bloccare le importazioni di grano dal Canada, in seguito alla vicenda delle tracce di Glifosato rinvenute nella pasta, ma ora è il momento di una presa di posizione radicale da parte dell'azienda parmense
glifosato grano barilla
“Come Verdi chiediamo alla Barilla di assumere una posizione radicale e sposare la campagna per dire stop all’utilizzo di Glifosato nel nostro Paese e in UE. Esprimiamo questa speranza alla luce della decisione della Barilla di bloccare le importazioni di grano dal Canada. Si tratta di una notizia molto positiva innanzitutto per la salute dei consumatori, ma anche per tutti i produttori di grano del nostro Paese che, rispettando le norme, producono un grano di qualità offrendo garanzia di maggior sicurezza alimentare per i cittadini.” Spiegano in una nota i coordinatori dei Verdi Luana Zanella e Gianluca Carrabs, che proseguono:
“La Barilla è un’azienda che sta mostrando il suo impegno per un’agricoltura sostenibile, per garantire un prodotto sicuro, in cui non vi si trovino tracce del componente del tristemente noto Roundup della Monsanto: è doveroso che chiunque tenga alla salute della popolazione italiana ed europea si impegni per fermare la diffusione di questo pesticida, le cui tracce di veleno persistono nell’essere umano e che sono state ritrovate anche nel sangue di donne incinte”
“Nonostante lo scandalo dei Monsanto Papers e i numerosi test scientifici che indicano la pericolosità e la persistenza del Glifosato nei prodotti – concludono Zanella e Carrabs –  la concessione alla vendita da parte dell’Unione Europea è stata rinnovata per altri cinque anni. Ci sono paesi come la Francia che stanno progressivamente eliminando i pesticidi tossici dalle loro produzioni, anche l’Italia deve adeguarsi a questo trend che ha il solo scopo di tutelare la salute delle cittadine e dei cittadini.”
Per far comprendere esattamente come la Monsanto influenzi i processi decisionali sul Glifosato i Verdi Europei hanno prodotto un documentario della durata di circa venti minuti e molto esaustivo sull’argomento (potete trovare la versione italiana a questo link: http://bit.ly/video_stop_glifosato ).
Commenti da Facebook
Categorie
AlimentazioneNEWS