Abusivismo: esposto in procura. Di Maio blocchi la sanatoria del sindaco di Bagheria

Ieri il coordinatore nazionale dei Verdi Angelo Bonellli su mandato della Federazione Nazionale ha consegnato alla Procura della Repubblica di Termini Imerese un esposto per verificare la legittimità della delibera del Comune di Bagheria che in vari articoli ferma le procedure di demolizione degli immobili abusivi anche nelle zone di inedificabilità assoluta.
bagheria

Ieri il Coordinatore nazionale dei Verdi Angelo Bonelli su mandato della Federazione Nazionale ha consegnato alla Procura della Repubblica di Termini Imerese un esposto per verificare la legittimità della delibera del Comune di Bagheria che in vari articoli ferma le procedure di demolizione degli immobili abusivi anche nelle zone di inedificabilità assoluta.
In questo esposto Bonelli chiede anche alla Procura di verificare gli eventuali conflitti di interesse di consiglieri comunali e membri di Giunta compreso il sindaco Patrizio Cinque che sono titolari o famigliari di titolari di immobili abusivi anche in zone vincolate.

“La delibera che è stata approvata nel giugno scorso dal Consiglio comunale di Bagheria, su proposta del sindaco Patrizio Cinque, e’ una sorta di sanatoria mascherata – ha spiegato oggi Bonelli in conferenza stampa -. Infatti il regolamento, all’articolo 7, prevede la concessione del diritto di abitazione a chi abbia commesso l’abuso o per i suoi famigliari, sospendendo di fatto le demolizioni, e va in contrasto con una norma regionale che parla di diritto di abitazione solo per immobili costruiti prima del marzo 1992”.

“Ancora peggio – ha proseguito l’ecologista – e’ l’articolo 8 bis, dove dice che per le case costruite in zone di inedificabilita’ assoluta puo’ essere concessa dal Comune la possibilita’ per i titolari degli immobili di rimanere in quell’immobile abusivo fino a quando l’amministrazione non trovera’ i soldi per la demolizione. Ma i fondi esistono eccome, come ha confermato il ministro Delrio, per effettuare immediatamente queste demolizioni. Inoltre, vanno in danno a chi ha commesso l’abuso. MI domando perche’ si vogliono bloccare demolizioni oggetto di provvedimento della Procura?”

Dico al candidato premier del M5S Di Maio e al Presidente della Regione Campania De Luca – ha affermato il leader dei Verdi – che seppur su sponde politiche diverse parlano di abuso di necessità, che l’abuso di necessità non esiste. A Bagheria ad esempio ci sono ville abusive sul mare anche con piscina. Si sa che per realizzare la struttura grezza di una casa con uno scavo abusivo e le fondamenta come minimo si spendono 80 mila euro, ecco perchè non si può parlare di abusivismo di necessità.”

“L’abusivismo in realtà – ha spiegato Bonelli – è uno schiaffo agli italiano onesti che pagano il mutuo della casa con sacrifici o da chi è in affitto perchè il mutuo non se lo può permettere però ha rispettato le leggi. Per quale motivo si devono trattare i cittadini onesti come fessi e premiare gli i furbi che costruiscono abusivamente?”

“Di Maio e Cancelleri – ha concluso il leader dei Verdi – devono chiedere al sindaco Bagheria, del loro stesso partito, di ritirare la delibera in questione anche per impedire che sia presa a modello degli altri comuni siciliani che potrebbero fermare così gli ordini di demolizione delle case abusive. Il sindaco di Bagheria Cinque prenda come esempio il suo ex collega di Licata Angelo Cambiano un icona della lotta all’abusivismo.”

Ecco i video della conferenza stampa

Commenti da Facebook
Categorie
AmbienteComunicatiNEWS
Nessun commento

Lascia un commento

*

*